Arrivano le Quadrantidi 2017

sciame meteorico

Lo sciame meteorico delle Quadrantidi, il primo di ogni anno solare, si manifesta proprio in questi primi giorni di gennaio.

Si chiama così perché il radiante di questo sciame, cioè il punto da cui sembrano provenire tutte le scie luminose, è collocato nella costellazione del Quadrante Murale, anche se sono quasi certo che non conosci questa costellazione, infatti il Quadrante Murale è una costellazione che è stata soppressa ed è stata in buona parte inglobata nella costellazione di Boote.

E’ anche per questo motivo che oramai molti si riferiscono a questo sciame meteorico chiamandolo Bootidi.

Sebbene sia spalmato nei primi 5 giorni dell’anno, tuttavia, la notte migliore per osservarne le meteore è quella tra il 3 ed il 4 gennaio, soprattutto nelle ore immediatamente precedenti all’alba del 4.

Infatti dall’Italia, dal tramonto alla mezzanotte la costellazione è ancora troppo bassa sull’orizzonte in direzione Nord-Est, ma dopo la mezzanotte diviene via-via sempre più alta e quindi lo sciame meteorico più apprezzabile.

Nel momento clou dell’evento dovrebbero vedersi circa 120-130 meteore/ora, intensità del tutto simile a quella delle Perseidi di agosto.

In modo particolare in questo 2017, non ci sarà la Luna ad infastidire lo spettacolo. Infatti essendo una falce crescente, illuminata per meno del 30%, tramonterà molto presto, prima delle 22:00.

Per pura curiosità, proprio nella sera del 3 gennaio, poco dopo il crepuscolo vespertino, avremo la possibilità di scorgere l’allineamento Luna-Marte-Venere, in cui il Pianeta Rosso, molto meno brillante di Venere, sarà proprio tra questo e la Luna.

Se poi ti soffermerai fino a tardi, dopo l’1 del mattino, in  direzione Est, vedrai spuntare Giove, brillantissimo accanto ad Arcturus che, a sinistra rispetto a Giove, è la stella più brillante della costellazione di Boote.

Bene, detto questo, se ti dovesse interessare saperne di più sulle meteore e sui meccanismi che ne permettono il manifestarsi, puoi trovare molto di più nell’episodio 7 del podcast, dal titolo “Stelle cadenti, cosa sono?”.

A questo punto non mi rimane che augurarti una buona visione dello sciame meteorico, se deciderai di osservarlo.

Vito Lecci

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *